Anthony Haskell, direttore di Global Capital Project Engineering

Anthony Haskell, direttore di Global Capital Project Engineering

Non abbiamo mai mollato: I racconti dei lavoratori essenziali in Bristol Myers Squibb

Leggi le storie dei dipendenti di Bristol Myers Squibb di tutto il mondo che hanno continuato a lavorare nelle proprie sedi durante la pandemia di COVID-19. Un racconto sulla loro esperienza e su come l'azienda ha creato le condizioni per far continuare il loro lavoro in sicurezza e rispondere alle esigenze dei pazienti.

27/09/21

Nella primavera del 2020, la pandemia di COVID-19 ha spinto le aziende a cambiare i metodi di lavoro, la comunicazione interna e le misure per la protezione del personale. Bristol Myers Squibb ha reagito prontamente, con una notevole percentuale della forza lavoro che è riuscita ad adattarsi a un nuovo modo di lavorare: il telelavoro da casa.

Molti tra coloro che erano considerati lavoratori essenziali hanno però continuato a recarsi al lavoro durante quel periodo di grande incertezza. Che si trattasse della produzione di medicinali, del lavoro in laboratorio o della gestione della struttura, nell'ultimo anno circa il 30 percento del personale dell'azienda ha continuato a recarsi fisicamente al lavoro.  
Un elemento importante per mantenere la promessa che abbiamo fatto ai nostri pazienti, alle loro famiglie e agli operatori sanitari è garantire che la nostra catena di fornitura, metta a loro disposizione i farmaci senza alcuna interruzione. Ecco le testimonianze di alcuni dei lavoratori che hanno aiutato l'azienda a mantenere questa promessa.

Masahiko Sugiura, Operations Floor Manager, Aichi, Giappone

Uno dei più grandi timori di Masahiko Sugiura quando si recava al lavoro durante i primi giorni della pandemia era che potesse causare una reazione a catena: "Cosa succede se mi infetto e poi trasmetto il virus ai miei colleghi? Cosa succederà se questo causerà un’interruzione nella linea di confezionamento, che a sua volta potrebbe incidere negativamente sulla produzione e ritardare la consegna del prodotto?", ci dice riportando alla mente le sue preoccupazioni. Lo stabilimento produttivo di Aichi è dedicato al confezionamento primario e secondario dei prodotti dell'azienda.

Tuttavia, grazie alle misure di sicurezza adottate sui luoghi di lavoro contro il COVID-19 come: la sanificazione, l'uso delle mascherine e i test, Sugiura si è sentito più a suo agio.
“Le possibilità di comunicare sono state azzerate dal COVID-19”, ha affermato. "Non puoi incontrare faccia a faccia le persone, non puoi pranzare insieme ai colleghi: mangiare da soli è davvero deprimente".
Così Sugiura si è dedicato anima e corpo al suo lavoro nel reparto confezionamento, riuscendo a trovare ispirazione nella passione dei suoi colleghi: si doveva lavorare insieme, ma restare, comunque, separati.
"Sono orgoglioso degli sforzi di tutti i miei colleghi: abbiamo continuato a offrire prodotti di alta qualità ai pazienti in tutta sicurezza e in maniera stabile, anche durante una pandemia".

Catarina Goncalves, Senior Specialist del reparto Quality Assurance, Boudry, Svizzera

Il 16 marzo 2020 è stato il primo giorno di lavoro di Catarina Goncalves in Bristol Myers Squibb, in forza al team Quality Assurance Operations. Desiderosa di tornare al lavoro dopo un congedo durato un anno per prendersi cura di suo figlio, quel giorno Catarina aveva appreso che, a causa del COVID, lei e i suoi colleghi avrebbero iniziato un nuovo programma di lavoro: ogni settimana, metà del team avrebbe lavorato in sede e l'altra metà da casa, per poi invertire i ruoli nella settimana a seguire.

“Io e il mio team siamo responsabili di tutte le attività di revisione e approvazione dei lotti di farmaci prodotti in azienda e i nostri processi includono passaggi che devono essere eseguiti di persona, come ottenere firme e chiedere a una persona qualificata di riesaminare e approvare il prodotto da immettere sul mercato," afferma Catarina.
In virtù della natura essenziale di queste attività per l’azienda, Catarina e il suo team hanno lavorato in sede a turni fino a maggio 2020, quando tutti sono tornati al lavoro in presenza full-time.
“Per me è stata un’ottima notizia, ero molto motivata a lavorare e il nostro management ha sempre parlato apertamente con noi, facendo davvero tutto il possibile per tutelare la nostra sicurezza", ha detto. “Non ho mai avuto timori in merito alla sicurezza sul lavoro.”

Anthony Haskell, direttore di Global Capital Project Engineering

All'inizio del 2020, Bristol Myers Squibb ha iniziato la costruzione di una nuova struttura da 22.500 mq all'interno del campus di Devens per la produzione clinica e commerciale di terapie cellulari. Lo stabilimento di Devens si occupa di sviluppo dei processi, produzione clinica e produzione commerciale di farmaci biologici. Giorno dopo giorno, Anthony Haskell si recava al lavoro per svolgere le sue mansioni di Direttore e Project Manager.

“Il progetto di espansione era ritenuto essenziale sia dalla società sia dalle normative locali e statali", ricorda Haskell, oggi direttore di Global Capital Project Engineering.
Haskell ci ricorda che all'inizio della pandemia, quando ancora si sapeva davvero poco sul virus, si andava al lavoro in uno stato di tensione. "Però la sede di Devens ha fatto un ottimo lavoro di comunicazione e ci ha tenuti aggiornati sugli eventi in corso, soddisfacendo le nostre esigenze in termini di test e mascherine".
I monitor di tutta la struttura mandavano in onda i video sulle storie di alcuni pazienti salvati dai farmaci prodotti dall'azienda; Haskell afferma come questo abbia contribuito a mantenere alto il morale. “Questo ha ricordato al mio team il motivo per cui dovevamo essere presenti, anche se sapevamo che sarebbe stata dura. Quelle storie raccontate dai pazienti sono state davvero una fonte d’ispirazione per tutti”.
La struttura dedicata alla terapia cellulare sarà inaugurata a settembre, con le linee di produzione che entreranno in attività verso la fine dell'anno. Esattamente nei tempi previsti.

Lewis Connolly, Manager, Clinical Supply Logistics Network, Moreton, Regno Unito

Lewis Connolly ha avuto bisogno di tempo per abituarsi ad andare al lavoro tutti i giorni in quella che appariva come una città fantasma. Tuttavia, nonostante quella strana solitudine sul posto di lavoro, Connolly ci ricorda che la sua squadra non ha mai perso di vista la sua mission. Connolly lavora presso la sede di Moreton dedicata alle attività di ricerca e sviluppo di prodotti chimici e di sintesi, alla ricerca scientifica e tecnologica sui prodotti farmaceutici, alla strategia analitica e all’approvvigionamento di materiali per gli studi clinici.

"Non ho avuto alcuna esitazione quando mi hanno chiesto di recarmi in sede e ogni giorno ho fatto del mio meglio per garantire che le nostre spedizioni ai pazienti non subissero alcun impatto", afferma Connolly. “I nostri pazienti sono sempre stati al centro dei miei pensieri: non potevamo fermarci per nessun motivo, perché loro avevano più che mai bisogno di noi, ed è per loro che abbiamo continuato a tenere fede ai nostri impegni.”

Scopri di più sul nostro impegno durante l’emergenza Covid qui